Resupinato: supino; aderente al substrato con la superficie sterile

Resupinato: dal verbo latino resupinàre = far cadere all’indietro.

Alla lettera, col significato di: supino, caduto all’inietro.

 

 

In Micologia è aggettivo impiegato principalmente per descrivere quegli sporofori che aderiscono al substrato  con la parte sterile, mentre la parte fertile è esposta all’aria. È una situazione riscontrabile soprattutto tra le specie lignicole, come ad esempio in alcune Poliporacee, oppure nel Genere Corticium, in alcuni Crepidotus, ecc.

 

 ************************

 

 

 

Colonia di esemplari di  Trametes hirsuta  (Wulfen) Pilát, talvolta resupinati e fusi lateralmente. Visione dell’imenoforo. Foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esemplari resupinati: un primo piano alla parte che aderiva interamente al legno, lasciando visibile e all’aria solo l’imenoforo e appena un po’ di orlo.

   Trametes hirsuta; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esemplare resupinato, con l'imenoforo completamente esposto all’aria e con la parte sterile completamente aderente al substrato legnoso;

 Daedaleopsis confragosa  (Bolt. : Fr.) Schröter; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Resupinato su substrato legnoso: Cerocorticium molare  (Chaillet ex Fr.) Jülich & Stalpers; foto di Angelo Mariani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esemplari resupinati di  Pulcherricium caeruleum  (Schrad. : Fr.) Parmasto; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Specie resupinata su legno marcescente:  Phlebia rufa  (Pers. : Fr.) M.P. Christ.; foto di Stefano Rocchi 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tipicamente resupinata la  Hymenochaete cruenta   (Pers.) Donk.; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Carpoforo  resupinato in  Cerioporus mollis  (Sommerf.) Zmitr. & Kovalenko; foto di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esemplari resupinati e non in  Crepidotus subsphaerosporus  (J.E. Lange) Kühner & Romagn.; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Colonia di  Steccherinum ochraceum  (Pers.) Gray,  resupinati con orlo appena rialzato dal substrato (in tal caso si può parlare anche di conformazione "effuso-reflessa"). Foto di Marco Barbanera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Completamente resupinato:  Oxiporus latemarginatus  (Durieu & Mont.) Donk; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In parte resupinata e in parte rialzata (in tal caso può dirsi anche "effuso-reflessa"):  Bjercandera adusta  (Willd. : Fr.) P. Karst.; foto di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un lignicolo resupinato:  Gloeophyllum abietinum  (Bull. : Fr.) P. Karst.; foto di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Junghuhnia nitida    (Pers. : Fr.) Ryvarden; un fungo resupinato, a sviluppo non molto esteso, con imenio formato da pori più o meno regolari, da alveolari ad allungati e solo in alcuni punti tendenti alla formazione di un labirinto. Foto e commento di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un fungo resupinato che solitamente riveste una vasta superficie della pianta ospite:  Schizopora paradoxa   (Schrad. : Fr.) Donk; foto di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lignicolo resupinato, su tronco di Quercia:   Ceriporia purpurea   (Fr. : Fr.) Donk; foto di Stefano Rocchi 
di 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trichaptum fuscoviolaceum   (Ehrenb. : Fr.) Ryvarden; nella fase iniziale, prima che si sviluppi l'imenoforo, si presenta

resupinato e simile a una muffa violacea. Foto di Mauro Cittadini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cylindrobasidium laeve   (Pers. : Fr.) Chamurisresupinato e adeso al substrato legnoso; foto di Stefano Rocchi


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su legno di quercia a terra: fungo resupinato di consistenza cerosa, formato da grossolani aculei di colore marrone-ocraceo:   

 Radulomyces molaris    (Chaillet ex Fr. : Fr.) M. P. Christ; foto e commento di Stefano Rocchi

 

 

 

 

 

 

 

Termine Enciclopedia Illustrata curato e redatto per AMINT da Alessandro Francolini.