Virante: si dice di un componente dello sporoforo quando cambia colore (in modo spontaneo o artificiale)

Dal francese virer = girare, cambiare.

 

 

 

 

Virante: si dice di un componente dello sporoforo (carne, cuticola, tubuli, superficie poroide, lamelle, latice, ecc.) che cambia colore, che subisce viraggio.

 

 


Può essere virante in modo spontaneo (per esempio a contatto con l’aria, con ossidazione più o meno repentina e marcata) o in modo artificioso (per esempio a contatto con reagenti chimici).

È sinonimo di cangiante, e l'opposto di immutabile.

 

 


 

Per altre immagini inerenti all'argomento vedere alla voce viraggio. Per ulteriori immagini sul viraggio del latice vedere alla relativa voce. Vedere anche alla voce macroreazione.

 

 

 

*********************** 

 


 

 

Carne virante al blu sopra l’imenoforo in  Boletus pseudoregius  Hubert ex Estades; foto di Gianluigi Boerio


 

 

 

 

Latice virante velocemente al giallo (appena fuoriesce dalle lamelle è bianco) in

Lactarius scrobiculatus  (Scop. : Fr.) Fr.; foto e commento di Tomaso Lezzi

 

 

 

Carne e superficie poroide viranti al taglio o allo sfregamento in  Boletus pulverulentus  Opatowski; foto di Pietro Curti

 

 

 

Carne virante all’apice del gambo, così come sono viranti i tubuli:

Xerocomus armeniacus  (Quél.) Quél.; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

Carne del gambo rapidamente virante al blu all’aria:  Gyroporus cyanescens  (Bull. : Fr.) Quelet; foto di Mauro Cittadini

 

 

 

Carne virante immediatamente in  Boletus rhodopurpureus  Smotl.; foto di Franco Sotgiu

 

 

 

Carne della base del gambo virante al taglio al giallo-cromo intenso:  Agaricus iodosmus  Heinemann; foto di Pietro Curti

 

 

 

Carne chiaro-giallognola che vira al blu dopo il taglio in  Boletus legaliae  Pilát; foto di Mauro Cittadini

 

 

 

Carne bianco-crema virante al violaceo per ossidazione una volta che è esposta all’aria:

 Lactarius repraesentaneus  Britzelm.; foto di Federico Calledda

 

 

 

Carne virante al rosso-carota nei tratti corrosi con una unghia:

Chlorophyllum rachodes  (Vittadini) Vellinga; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

La carne gialla di  Boletus luteocupreus  Bertéa & Estadès diviene immediatamente blu scuro al taglio, per poi scolorire lentamente ad un blu-grigio chiaro; se lasciata esposta all’aria per diverse ore riprende (in parte) il colore giallo originale. Foto e commento di Tomaso Lezzi

 

 

 

Carne, lamelle e latice viranti al lilacino in  Lactarius uvidus  (Fr. : Fr.) Fr.; foto di Massimo Mantovani


 

 

 

 

 

 

Un esempio di carne virante, con alternanza di colorazioni a seconda del tempo di esposizione all’aria.

Lactarius semisanguifluus  R. Heim & Leclair; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

Hanno la caratteristica della carne che vira dopo pochi minuti al rossovinoso. Prima foto con sezione tipica arancione viva, dopo pochi istanti:  Lactarius semisanguifluus  R. Heim & Leclair; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

Seconda foto con in evidenza la sezione "vinosa" della carne dopo circa 5 minuti;

 Lactarius semisanguifluus; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

Dopo 12 ore la sezione evidenzia ancora un cambiamento. Le tinte vinose appaiono incupite e sono evidenti zone verdastre.

   Lactarius semisanguifluus; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

 

 

 

Inocybe bongardii   (Weinm.) Quél.; ha carne biancastra alla sezione, poi subito virante al rosa, infine arrossante col passare

dei minuti; foto e commento di Tomaso Lezzi

La sezione dopo qualche secondo: 

 

 

 

 

 

 

 

Inocybe bongardii   (Weinm.) Quél. Stessa inquadratura della precedente, ma scatto dopo aver atteso qualche minuto:

 carne virante al  rosso. Foto e commento di Tomaso Lezzi

 

 

 

 

 

 

In  Tricholoma saponaceum   (Fr. : Fr.) Kummer, soprattutto negli esemplari maturi, la carne del gambo alla sezione 

si mostra virante verso il rossastro più o meno pallido. Foto di Pietro Curti

 

 

 

 

 

 

Imenoforo (e non solo) virante al rossastro se contuso:  in   Cantharellus cibarius var. alborufescens  Malençon; foto di Pietro Curti

 

 

 

 

 

Termine Enciclopedia Illustrata curato e redatto per AMINT da Alessandro Francolini.