Micelio: vero e proprio organismo fungino

Dal greco mýkes, mýketos = fungo.

 

Il micelio è il vero organismo fungino. È costituito da un insieme di ife formanti ammassi filamentosi o cotonosi anche di notevoli dimensioni, che vegetano sotto terra o in altri substrati.

 

Dal micelio nasce e si sviluppa (sempre come ammasso di ife, ma stavolta con organizzazione architetonica più strutturata e compatta) lo sporoforo (o carpoforo; o corpo fruttifero), cioè ciò che viene chiamato impropriamente ma comunemente "fungo" e che permetterà tramite la maturazione e la diffusione delle spore il proliferare e il generarsi di altro micelio.

 

 

*************

 

Consultare anche le voci riguardanti il  Micelio primario  e il  Micelio secondario  e i link ad esse collegati.

 

 

********

 

Seguendo la definizione di micelio come insieme di ife, va inteso che "micelio" è "tutto" l'organismo fungino, quindi sporoforo compreso.

 

Anche se spesso, per favorire la comprensione dei vari argomenti nel linguaggio quotidiano, viene chiamato "micelio" la sola parte sotterranea o che vegeta in un certo substrato; mentre con "fungo" viene indicato il corpo fruttifero o sporoforo, come se fossero due entità separabili.

 

 

Solitamente i filamenti di ife miceliari si trovano all'interno del substrato vegetativo e non si possono osservare direttamente; tuttavia gli sporofori di qualche specie mostrano, esposti all'aria e alla base del gambo, evidenti agglomerati di esili filamenti miceliari (in tal caso si può parlare di "feltro miceliare"; vedere alla voce Feltro miceliare), altre specie mostrano invece dei veri e propri cordoncini miceliari (in tal caso si parla di rizomorfe).

 

 

*********************

 

 

Presenza delle ife miceliari biancastre (venute allo scoperto) che hanno avvolto il substrato di crescita (una ceppa legnosa) di

 Imleria badia  (Fr. : Fr.) Vizzini; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

In riferimento alla precedente situazione: primo piano delle ife del micelio di  Imleria badia; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

Sarcoschyfa coccinea  (Scop. : Fr.) Lambotte; la sua base miceliare è attaccata a residuo legnoso, probabilmente di Crataegus sp. (Biancospino);

foto e commento di Gianluigi Boerio

 

 

 

 

 

 

 

Filamenti miceliari (feltro miceliare) alla base del gambo di  Mycena strobilicola  Favre & Kühner; foto di Federico Calledda

 

 

 

 

 

Feltro miceliare alla base dei gambi in  Mycena strobilicola; foto di Federico Calledda

 

 

 

 

 

Cordoni miceliari biancastri alla base dello  pseudostipite  di  Lycoperdon pyriforme  (Pers.) Pers.; foto di Mario Iannotti

 

 

 

 

 

 

 

Cordoni miceliari biancastri (rizomorfe) alla base di  Megacollybia plathyphylla   (Pers.) Kotl. & Pouzar; foto di Mario Iannotti

 

 

 

 

 

Filamenti miceliari (feltro miceliare) alla base del gambo di   Mycena polygramma    (Bull. : Fr.) S. F. Gray; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

Ife miceliari di colore giallo-oro alla base del gambo di  Xerocomus ferrugineus  (Schaeff.) Bon; foto di Mario Iannotti

 

 

 

 

 

 

 

Primo piano sulle ife miceliari giallo-oro presenti nel terriccio alla base di  Xerocomus ferrugineus; foto di Mario Iannotti

 

 

 

 

 

Evidente il micelio bianco (feltro miceliare) che ha colonizzato tutto il pezzo di legno in disfacimento.  In  Ossicaulis lignatilis   (Pers. : Fr.) Redhead & Ginns;

  foto e commento di Tomaso Lezzi

 

 

 

 

 

Dettaglio della carne della Russula, ormai putrescente, invasa dal micelio saprofita, biancastro, e dai piccolissimi primordi di  Asterophora lycoperdoides (Bull.) Ditmar;

 foto e commento di Luigi Minciarelli

 

 

 

 

Con i filamenti bianchi del micelio al di sotto del gambo: 

Marasmius rotula    (Scop. : Fr.) Fr.; foto di Pietro Curti 

 

 

 

 

 

 

Filamenti miceliari (feltro miceliare) alla base del gambo di alcune giovani     Mycena strobilicola ; foto di Massimo Mantovani

 

 

 

 

 

 

 

Rhodocollybia butyracea   (Bull. : Fr.) Lennox; il gambo mostra alla base il tipico feltro miceliare bianco a cui restano attaccati

frammenti della lettiera; foto di Alessandro Francolini

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine Enciclopedia Illustrata curato e redatto per AMINT da Alessandro Francolini.