Parafisi: cellule sterili che si trovano nell' imenio degli Ascomiceti; con la funzione di distanziare gli aschi tra di loro

Dal greco paràfisis = germoglio, virgulto.

 

 

Cellule sterili, solitamente di forma allungata e sottile, presenti nell'imenio degli Ascomiceti dove hanno funzione di organi distanziatori e orientativi rispetto agli aschi: tengono infatti distanziati gli aschi gli uni dagli altri e ne permettono un più efficace orientamento in modo che le spore vengano espulse dagli aschi nella direzione ottimale.

 

 

Si distinguono in tre tipi principali: semplici, septate (settate), ramificate.

 

 

 ******************

 

 

 

Dall’alto in basso le frecce indicano: asco; ascospore (in questo caso: ellissoidali e uniseriate); parafisi; opercolo dell’asco.

Peziza vesiculosa  Bull.; foto di Marcello Boragine

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi (con asco e spore) in   Helvella leucomelaena  (Pers.) Nannfeld; foto Gianni Pilato.

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi in  Helvella leucomelaena; foto Gianni Pilato.

 

 

 

 

 

 

Aschi e parafisi, disposti in palizzata, formano l'imenio di un apotecio.

Sarcoscypha coccinea  (Scop. : Fr.) Lambotte; foto di Angelo Mariani

 

 

 

 

 

 

Aschi e parafisi in  Anthracobia maurilabra  (Cooke) Boud.; foto di Marcello Boragine

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi cilindracee, con apice un po’ clavato in  Anthracobia maurilabra; foto di Marcello Boragine 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi lungamente clavate in  Sarcoscypha coccinea  (Scop. : Fr.) Lambotte; osservazione in Rosso Congo; foto di Tomaso Lezzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aschi e parafisi con apice allargato e a testa di serpente, con contenuto giallo-aranciato.  Anthracobia macrocystis  (Cooke) Boud.; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi brune, settate, con estremità arricciata a forma di bastone di pastore. Trichoglossum walteri  (Berk.) E.G. Durand; foto di Tomaso Lezzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tipiche parafisi solitamente presenti nel  Genere  Otidea: con estremità ricurve, a forma di "bastone da pastore"; irregolari e incrostate. 

 Otidea umbrina  (Pers.) Bres.; foto di Tomaso Lezzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aschi e parafisi in  Otidea bufonia  (Pers. : Fr.) Boud.; le parafisi si presentano con l'apice ricurvo, talvolta anche arrotolato. Foto di Angelo Mariani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sezione di  Helvella confusa  Bresadola  con, a sinistra, la "palizzata di aschi e parafisi"; foto di Gianluigi Boerio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi dal contenuto granuloso in  Aleuria aurantia  (Pers. ex Fr.) Fuckel; foto di Mauro Cittadini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi cilindriche, settate, dilatate all’apice, 5-6 µm.

In  Pyrenopeziza ampelina   (Pass.) Rehm; foto di Angelo Mariani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aschi, contornati da parafisi con apice ricurvo in   Otidea alutacea    (Pers.) Massee; foto di Angelo Mariani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi cilindriche o appena ristrette all'apice, filiformi, settate, forcate nella parte inferiore.

In Tarzetta gaillardiana    (Boud.) Korf & J.K. Rogers; foto di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parafisi sottili, cilindriche, flessuose, con apice ricurvo a "bastone di pastore", settate in prossimità della base, appena emergenti dagli aschi.
In   Byssonectria fusispora   (Berk.) Rogerson & Korf; foto e commento di Massimo Biraghi

 

 

 

 

 

 

 

Termine Enciclopedia Illustrata curato e redatto per AMINT da Alessandro Francolini.